home mappa del sito

Benvenuti nel portale del Comune di Villaricca.

  versione precedente
cenni storici monumenti orario sportelli mappa del comune elezioni

Villaricca, le origini e la storia

Il Comune di Villaricca è situato a pochi chilometri a nord di Napoli. Il toponimo è recente, risale al 13 maggio 1871,
quando fu cambiato l'antico nome di Panicocoli in Villaricca. Le delibere risalgono al 1862 e al 1865.
Agli inizi del XIX secolo, per il breve periodo in cui regnò Gioacchino Murat, il paese fu chiamato Gioacchinopoli,
per poi riprendere la denominazione originaria di Panicocoli dopo il ritorno di Ferdinando IV.
Il territorio risultava già abitato in epoca remotissima: alcune tombe, rinvenute nel 1955 con relativi corredi funerari,
fanno supporre una presenza umana già migliaia di anni prima di Cristo.
Nel IV V se codolo d.C. cominciò a costituirsi il villaggio vero e proprio.
La particolare struttura quadrangolare dell'antica area abitata fa supporre che sia stato un accampamento militare romano. I primi documenti in cui si cita il paese risalgono al 988 e al 1031: sono tutte transazioni di terreni.
Nella metà dell'IX secolo Panicocoli divenne presidio normanno sotto il comando di Danabaldo.
Nel 1134, Ruggiero il Normanno pose un lungo assedio a Panicocoli: qui fu sconfitto dalle forze alleate di napoletano e mercenari pisani. Di nuovo nel 1135, il paese fu teatro di tentativi di conquista del Regno di Ruggiero il Normanno.
Questi, quando dalì sul trono nel 1140, elevò l'abitato a capoluogo di distretto, governato da un conte.
Nel Medioevo, Panicocoli, come casale del Demanio regio, usufruì dei privilegi fiscali legate a questa particolare condizione. Di questo periOdo si hanno poche testimonianze documentarie: pare che il luogo di aggregazione del villaggio fosse la Chiesa di San Simplicio.
Nel 1631 il viceré di Napoli Emanuele Fonseca y Zunica conte di Monterey, perseguendo una politica fiscale, eliminò i privilegi di cui usufruivano i territori inclusi nel Demanio regio e cerco di vendere il casale di Panicocoli. Nel 1633 il casale fu acquistato da un certo Salvo Selano che governò per un solo anno: nel 1634 il feudo fu venduto al barone Giannantonio Parisio. Nel 17100 il feudo fu acquistato dal principe Carlo de Tassis, conte di Zellò e marchese di Paullo. Carlo de Tassis, per problemi economici, vendette nel 1728 Panicocoli a Nicola Petra, duca di Vastogirardi, la cui famiglia seppe governare con saggezza il feudo fino al 1806. Nel 1816 venne eletto il primo sindaco del paese, Filippo d'Alterio. Per tutto il resto del XIX secolo l'amministrazione cittadina si preoccupò di costruire strade di collegamento, scuole e un acquedotto a cui furono interessati anche i comuni di Giugliano, Melito e Qualiano. Risale invece al Novecento la costruzione della linea tranviaria che ha collegato Villaricca con Napoli.

 
Sito istituzionale del Comune di Villaricca  - Corso Vittorio Emanuele n°. 76 Centralino 081/819.11.11 - © 2006 - credits